Home | Contatti

Dott.ssa Silvia Savini
Psicologa del lavoro e Psicoterapeuta ad indirizzo cognitivo neuropsicologico

approccio cognitivo neuropsicologico pavia, modello terapeutico pavia. PCN Pavia

La Psicoterapia Cognitiva Neuropsicologica (PCN) si pone come un'evoluzione della psicoterapia cognitiva, con la quale mantiene in comune i due presupposti di base dell'interdisciplinarietà e della tendenza alla verificabilità empirica. Proprio sulla base di questi due principi, deriva la sua teoria di riferimento dalle evidenze scientifiche di diverse discipline quali la psicologia sperimentale, le neuroscienze, la psicologia dello sviluppo ecc., coniugandole però con le teorie filosofiche proprie della fenomenologia-ermeneutica di Heidegger, Merleau-Ponty e Paul Ricoeur .

La psicoterapia cognitiva neuropsicologica si pone pertanto come il punto d'incontro tra le scienze naturali, che studiano l'uomo mediante un approccio in terza persona (inquadrandolo cioè all'interno di categorie prestabilite) e le teorie filosofiche che vedono invece l'uomo come soggetto incarnato (in quanto provvisto di un determinato organismo) e situato (in quanto vissuto in un determinato ambiente) e pertanto non comprensibile nella sua totalità in base a caratteristiche definite a priori.

Ne deriva pertanto che la psicopatologia possa da un lato svilupparsi come malattia organica (le cosiddette patologie non storiche) e dall'altro come una patologia funzionale-psicologica (le cosiddette patologie storiche), ossia derivante da un'alterazione dell'identità personale causata da un'inadeguata riconfigurazione della propria esperienza. Si può così delineare il cosiddetto continuum neuro-psico-patologico, all'interno del quale si dispiegano le diverse patologie mentali. Naturalmente, la maggior parte delle patologie si troverà nella via di mezzo del continuum.

La vera novità della psicoterapia cognitiva neuropsicologica si pone proprio modo di avvicinarsi al paziente mediante un approccio in "prima persona", che non inquadra cioè il singolo individuo all'interno di categorie predefinite ma che studia il problema del paziente comprendendolo a partire dalla sua specifica storia di vita e dai suoi specifici accadimenti esistenziali. Ne consegue che il cambiamento che avviene durante il percorso psicoterapeutico si pone a livello esperienziale e non linguistico, intervenendo proprio sulle modalità di fare esperienza e non sui modi di raccontarsi l'esperienza stessa.